Astigmatismo

L' astigmatismo è un difetto rifrattivo caratterizzato dal fatto che i raggi luminosi  che entrano nell'occhio non vano a concentrarsi tutti nello stesso punto (fuoco)  ma principalmente su due piani focali differenti formando un cosiddetto conoide di Sturm.

Il diottro oculare risulta essere equivalente a una combinazione sfero-cilindrica. L'astigmatismo provoca una distorsione delle immagini: un soggetto astigmatico spesso vede un puntino deformato un una linea.
 
L’astigmatismo totale di un occhio è dato dalla combinazione degli astigmatismi della cornea e del cristallino i quali possono sommarsi o annullarsi a vicenda. Tuttavia gli astigmatismi elevati sono sostenuti da alterazioni di curvatura della superficie della cornea.
 
In generale, l’astigmatismo può presentarsi in una delle seguenti condizioni:

  • per superfici con curvatura differente sui vari meridiani a livello della cornea e/o del cristallino;
  • per il decentramento del cristallino rispetto alla cornea (astigmatismo da incidenza obliqua).

L'esame strumentale che l'oftalmologo adotta per rilevare la presenza di un astigmatismo è in primis l'oftalmometria e come esame più approfondito e preciso la topografia corneale.

Classificazione

Secondo la posizione che le linee focali del conoide occupano rispetto alla retina, l’astigmatismo può essere classificato in:

  • astigmatismo semplice: uno delle due linee focali cade sulla retina mentre l’altra è situata davanti (astigmatismo miotico semplice) o dietro di esse (astigmatismo ipermetropico semplice);
  • astigmatismo composto: nessuna delle due linee focali cade sulla retina, o entrambe si collocano davanti (astigmatismo miopico composto) o dietro di essa (astigmatismo ipermetropico composto);
  • astigmatismo misto: una delle due linee focali cade davanti e l’altra dietro la retina

 

Correzione

L'astigmatismo si corregge:

  • con occhiali con lenti cosiddette cilindriche o toriche,
  • con lente a contatto morbide toriche, o semirigide;
  • con un intervento chirurgico con laser.

Dopo una adeguata correzione si forma di nuovo un'immagine nitida e a fuoco.